Ristrutturare casa

Ristrutturare casa

Se sei già proprietario di un immobile e hai bisogno di liquidità per poterlo ristrutturare, potresti usufruire di un mutuo per la ristrutturazione della casa. Il mutuo per la ristrutturazione è una tipologia di finanziamento analoga al mutuo prima casa ma differente per modalità di erogazione: è infatti possibile richiedere la liquidità a inizio lavori, a fine lavori oppure anche in corso d’opera.

Il mutuo ristrutturazione è una soluzione particolarmente vantaggiosa, poiché consente di godere di tassi più bassi rispetto al prestito personale e di accedere a un importo maggiore: il mutuo ristrutturazione casa consente infatti di ottenere un finanziamento che può arrivare a coprire fino all’80% del valore stimato dell’immobile a seguito degli interventi che si vogliono eseguire, inoltre si può beneficiare di un piano di ammortamento più ampio e quindi più morbido rispetto a quello di un prestito personale.

Per la concessione di un mutuo ristrutturazione la banca richiede una documentazione che varia a seconda della tipologia di intervento che si vuole effettuare: può infatti trattarsi di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria o ristrutturazione con grandi opere.

Nel caso della manutenzione ordinaria si parla di interventi su edifici già esistenti e su parti limitate dell’immobile stesso: un esempio classico può essere la necessità di effettuare un intervento per il rifacimento del tetto o per la riparazione o sostituzione di finiture interne. In questo caso bisognerà presentare alla banca semplicemente il preventivo redatto dall’impresa che effettuerà i lavori.

Manutenzione straordinaria

Qualora si debbano invece compiere interventi di manutenzione straordinaria si dovrà presentare alla banca sia il preventivo dell’impresa edilizia sia l’autorizzazione del comune ai lavori; in questa casistica rientrano tutti quegli interventi sulla struttura e su parti anche portanti della stessa: si prenda ad esempio l’ammodernamento dell’impianto elettrico o termico o la trasformazione di singole unità immobiliari in più unità e viceversa.

Per ristrutturazione con grandi opere, invece, si intendono tutti quegli interventi volti a modificare in modo sostanziale la struttura dell’edificio, ad esempio ampliandolo; in questo caso bisognerà presentare alla banca il preventivo dell’impresa edilizia unitamente all’attestato di versamento del contributo all’amministrazione comunale.

Per poter richiedere un mutuo ristrutturazione bisogna essere residenti in Italia e aver raggiunto la maggiore età, inoltre bisognerà provvedere le ultime due buste paga in caso di lavoratori dipendenti o gli ultimi due modelli unici e il modello F24 nel caso di lavoratori autonomi, l’ultimo modello CUD o 730 e l’ultimo estratto del conto corrente, per poter dimostrare la solvibilità del mutuo.

Se stai pensando di richiedere un mutuo per la ristrutturazione della tua casa non esitare a contattarci o a venire a trovarci nella nostra sede di Milano: i nostri consulenti esperti nella mediazione creditizia sapranno trovare la soluzione più adatta alle tue esigenze.

Vuoi saperne di più?

Leggi gli approfondimenti

Finanziate clienti con contratto atipico?

Alcuni contratti atipici sono considerati redditi non stabili. In questo caso ha un peso particolare il merito creditizio di chi richiede il mutuo.

Finanziate clienti con contratto atipico?

Devo chiedere un mutuo: meglio il tasso fisso o il tasso variabile?

La risposta, come spesso accade in quesiti analoghi, è: “Dipende”.

Devo chiedere un mutuo: meglio il tasso fisso o il tasso variabile?
Matteo Carena

Contattaci per un appuntamento

Matteo Carena

+39 3203852641
matteo.carena@kiron.it
WhatsApp chat