Cessione del quinto

Cessione del quinto

La cessione del quinto è una tipologia di prestito che consente al richiedente di pagare le rate sotto forma di trattenuta dalla propria busta paga, ed è quindi una soluzione molto comoda per tutti i lavoratori dipendenti che siano in possesso di un contratto a tempo indeterminato, o per i pensionati che godano di una pensione fissa.

La cessione del quinto è quindi una forma di finanziamento a tasso fisso rivolta ai dipendenti pubblici e privati o ai pensionati e prende la sua denominazione dal fatto che l’ammontare della rata mensile non può superare il 20% dello stipendio del lavoratore al netto delle ritenute, ovvero per l’appunto 1/5 del totale.

La differenza fondamentale tra la cessione del quinto e altre tipologie di prestito risiede nel fatto che, al momento della richiesta, non viene considerato lo storico creditizio del richiedente: essendo di fatto il datore di lavoro a pagare le rate del finanziamento – detraendole direttamente dalla busta paga del dipendente – la concedibilità del prestito non dipende da eventuali problemi creditizi passati di quest’ultimo.

Sebbene l’ammontare della rata mensile non possa solitamente superare 1/5 del totale dello stipendio del contraente, è possibile – solo per i lavoratori dipendenti – usufruire del prestito delega, altrimenti chiamato “doppio quinto”, che consente di aumentare l’ammontare della rata mensile a 2/5 dello stipendio. Per i pensionati, invece, questa opzione non è possibile; per questa categoria, inoltre, non è possibile richiedere un prestito la cui estinzione superi il compimento dei 90 anni di età.

Al momento della richiesta della cessione del quinto, la legge prevede che venga stipulata un’assicurazione sui rischi vita ed impiego: nel caso di rischio impiego, l’assicurazione si rivarrà sul TFR maturato dal debitore, mentre nel caso di rischio vita l’assicurazione interverrà senza rivalersi sugli eredi.

Come tutte le tipologie di finanziamento, anche la cessione del quinto è una pratica che bisogna conoscere approfonditamente prima di formalizzare la richiesta: i nostri consulenti, esperti nella mediazione creditizia, saranno in grado di assisterti durante tutto il processo e trovare la soluzione più adatta alle tue esigenze.

Vuoi saperne di più?

Leggi gli approfondimenti

È possibile una pre-delibera senza aver ancora individuato l’immobile?

Sì. La pre-delibera è un’analisi della banca che permette di garantire agli acquirenti una garanzia sulla concessione del mutuo.

È possibile una pre-delibera senza aver ancora individuato l’immobile?

Devo chiedere un mutuo: meglio il tasso fisso o il tasso variabile?

La risposta, come spesso accade in quesiti analoghi, è: “Dipende”.

Devo chiedere un mutuo: meglio il tasso fisso o il tasso variabile?
Matteo Carena

Contattaci per un appuntamento

Matteo Carena

+39 3203852641
matteo.carena@kiron.it
WhatsApp chat